Il grande ritorno di Posi e Nega

posi e negaCon 187 post pubblicati su Zero3, è arrivato il momento di guardare un po’ indietro a quanto scritto e valutarlo insieme ai due vecchi amici di sempre, Posi e Nega. Una tradizione nata nella seconda incarnazione di Zero, e che consiste nel riguardare i vecchi post e dividerli in tre categorie:
* post positivi in cui si parla di cose belle
* post negativi con critiche, lamentele e roba simile
* non classificabile, cioè quei post che non rientrano nelle categorie precedenti.

Ok, 187 post non me li rileggo neanche morto, limitiamo a 50 (questo post del 29 luglio 2015 è il 137esimo, il primo che ho considerato). La valutazione se una cosa è positiva, negativa o non classificabile non è sempre facile, così come a volte ci sono post che sono per metà positivi e per metà negativi. Però per semplicitià ho scelto sempre e solo un unico gruppo per ogni post.

Il risultato è più che buono:
* post positivi – 25
* post negativi – 12
* non classificabile – 13

Riguardando quanto scritto mi sono reso conto che questo nuovo blog è molto, molto più adulto del precedente. Ci sono meno post idioti, testi molto più lunghi (si potrebbe tranquillamente dire “troppo lunghi”), molti meno discorsi sulla pubblicità (uno dei cavalli di battaglia del vecchio blog) e tante altre differenze più o meno grandi.

Confesso di essermene stupito. Non pensavo di essere cambiato così tanto: di fondo faccio quasi la stessa vita di sempre, divisa tra Carla e le mie passioni (fumetti, cartoni animati e videogiochi. Con la corsa che si aggiunge quando il corpo me lo permette ma che è stata in pratica sostituita dal nuoto).

Evidentemente non è così. Sicuramente c’è l’influenza di Paolo, ma la ritengo minima se non positiva a riguardo, visto che con lui gioco e mi diverto come un cretino. La vera causa del cambiamento penso sia riconducibile alla morte di mia mamma, che alla luce dei fatti si è rivelato meno devastante nell’immediato di quanto pensassi (io pensavo davvero che sarei crollato e diventato un ameba che piange a letto per settimane se non mesi. E non sto scherzando), ma che mi ha cambiato molto più di quanto pensassi. Cambiamento in meglio in praticamente tutti gli aspetti tranne uno, che è appunto la voglia di scherzare. C’è ancora ma è molto, molto calata rispetto a prima, al punto che a tratti io mi definisco “la versione noiosa di me stesso”. Ma questo è un altro discorso, oggi pensiamo che Posi batte l’amico Nega per 25 a 12, più del doppio, quindi bene così!

Alla prossima, con la promessa di mettere più post corti e divertenti 😉

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il grande ritorno di Posi e Nega

  1. boh83 ha detto:

    Ma sai che io questa classifica non me la ricordo proprio? E sì che ti seguo da tanto… saranno ormai 8-9 anni!
    sai invece cosa ricordo? La Fail week! Che ne dici di farne una? Io ancora ricordo la foto di quello in smoking con la macchina da cucire in mano! Dai, vinci la tua parte noiosa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...