Il “mio” fumetto del mese – introduzione

Anno nuovo, rubrica nuova.

Ogni mese mi ritrovo a lavorare a molti bellissimi fumetti. Ho la fortuna, grazie a Panini Comics, di poter contribuire all’edizione italiana di opere come L’uomo senza paura di Miller e Romita Jr., o ai manga di Hiromu Arakawa, alle storie iperviolente di Rei Hiroe o di Kohske, e via così.

Quindi mi sono detto, perché non segnare di volta in volta quello che è stato per me il “mio” fumetto del mese? Così facendo magari vi farò conoscere qualcosa che potrebbe piacervi e che non sapete esistere.

Ma non è l’unico motivo e, a dire il vero, non è nemmeno il vero motivo per cui lo faccio. L’idea mi è venuta, infatti, un giorno mentre guardavo la lista dei fumetti su cui avevo lavorato nel corso di quel mese. Stavo scorrendo l’elenco e mi sono chiesto:

“Bene, se dovessi scegliere il più bello, quale sarebbe?”.

E ho passato i successivi venti minuti a soppesare pro e pro (di contro ce n’erano davvero pochi :D) di ciascun volume, cercando di trovare il migliore. Quel giorno ho capito che mi piace l’idea di costringermi a valutare ogni singolo aspetto delle serie che curo per capire quale volume mi è piaciuto di più. Una cosa che, vi assicuro, non è per nulla facile perché io amo davvero molto praticamente tutte le serie che curo.

Così ho deciso di farne una rubrica fissa. Scelgo tre titoli ogni mese, ve lo descrivo velocemente e senza (grossi) spoiler, e poi eleggo il mio personalissimo vincitore. Se poi qualcuno ne vuole parlare, o vuole informazioni a riguardo, i commenti sono aperti come sempre.

Si comincia in grande stile, con il recupero di dicembre e poi subito sotto con gennaio. In futuro la rubrica potrebbe anche evolversi in qualcosa di più speciale, ma non so ancora se la mia idea è fattibile quindi per ora non dico nulla di più 🙂

Nota finale
È evidente che questa cosa possa essere interpretata come un mio modo di fare pubblicità, nemmeno troppo velata, ai prodotti Panini Comics. Non sono così ingenuo da non accorgermene e so che in molti lo penseranno. La verità è che, giusto per la cronaca e per fugare ogni dubbio, non è una cosa che faccio perché richiesta da Panini, la quale ovviamente nemmeno mi paga per questo (e ci mancherebbe :D) e, anzi, nemmeno lo sa che lo sto facendo. È proprio una mia idea in tutto e per tutto, e loro nemmeno sanno che l’ho pensata e messa in pratica. Lo faccio solo per il motivo scritto qui sopra. Poi siete liberi di crederci o no, ma vorrei che almeno mi credeste quando vi dico che se qui parlo bene di una cosa è perché questa mi piace davvero. Non parlerò mai, mai!, bene su Zero3 di un qualsiasi fumetto/libro/gioco che  non mi sia piaciuto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il “mio” fumetto del mese – introduzione

  1. boh83 ha detto:

    Anche perché mi sa che con il tempo che hai le uniche (o quasi) cose che leggi sono della Panini!

    • Mattia ha detto:

      In realtà leggo molte cose anche di altri editori, ma in inglese. Leggo molto poco invece di roba inglese tradotta in italiano da altri editori. È una cosa a cui vorrei un po’ rimediare nel 2016, ma attualmente la mia priorità per quest’anno è leggere la montagna di manga arretrati che ho da parte. 😀

  2. kOoLiNuS ha detto:

    OK
    Cominciamo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...