La casa degli specchi

casa-degli-specchiPiù volte ho scritto qui su Zero di come il mio più grande problema con il giornalismo degli ultimi anni sia il fatto che la stessa notizia viene venduta come “fantastica” da una testata e “fine del mondo” da un’altra. Non c’è più un briciolo di oggettività, tutto viene filtrato dalle lenti dell’opportunismo, della propria corrente di pensiero, della propria (o del giornale) linea politica.

Oggi ho trovato un esempio lampante della questione: un intervista a Di Maio (che personalmente trovo simpatico come la leptospirosi, ma questo non c’entra con il mio discorso) a Otto e mezzo.

Ne parla l’Unità sul suo sito con un articolo intitolato “Banche, la brutta figura di Di Maio a Otto e mezzo” in cui c’è un collage di frecciate al “politico”, con tanto di montaggio che sottolinea la cosa con le sue espressioni perplesse o spaesate.

Sulla stessa intervista scrive anche il Fatto Quotidiano in un pezzo intitolato “M5S, Di Maio vs Gruber: “Conflitto d’interessi nella banca della famiglia Boschi”. “Lei fa confusione, sia preciso”“. Nonostante il titolo possa far pensare a una brutta figura del grillino, se leggete l’articolo fondamentalmente il testo elogia la grande prestazione del “politico”.

A me non interessa quale delle due versioni sia giusta, voglio solo far notare che è assurdo avere due pezzi così diametralmente opposti sulla stessa questione.

Viviamo ormai in questa specie di casa degli specchi in cui la stessa immagine viene deformata a seconda dello specchio davanti a cui finiamo per caso, o dove decidiamo di fermarci. Se ci piace l’idea di essere più alti e magri, ecco lo specchio per noi. Se vogliamo essere invece più tondi, basta girarsi a sinistra e c’è quello che volevamo.

Il problema è che in questa immensa casa degli specchi sembrano essersi dimenticati di mettere quello che riflette la vera immagine. E il problema ancora più grave è che sembra che di questo non si sia accorto nessuno o che, anche se lo sappiamo, non ce ne freghi nulla perché tanto vediamo quello che volevamo vedere e fanculo la verità.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La casa degli specchi

  1. boh83 ha detto:

    Ma questo è sempre stato un “problema”, anche con i quotidiani… altro che ultimi anni… ultimi secoli direi! Metto tra virgolette poiché alla fine non è un vero e proprio problema, lo diventa se si tiene conto solamente di una opinione e la si prende per vera ed assoluta, mentre l’ideale sarebbe informarsi da differenti sorgenti con diversi orientamenti politici per capire il più possibile la situazione.

    • Mattia ha detto:

      Hai ragione nel dire che il problema esiste da tempo e, sinceramente, è una cosa a cui stavo pensando anche io mentre scrivevo il pezzo. Quello che però mi spiazza è come oggi sia sistematico e a ombrello: la mia impressione è che una volta accadesse ma solo su cose importanti mentre oggi capita su tutto: che sia la legge elettorale, chi ha comprato degli autobus ecologici, l’eliminazione delle auto blu, questa o quella giunta, gli scontrini di un consigliere, le multe di un altro… tutto è filtrato. TUTTO!
      Prima non era così, o forse ero ingenuo io e non me ne accorgevo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...