È notte in città, e un confuso papà non capisce come qualcosa sia possibile

In assoluto la cosa che più mi lascia senza parole nell’universo dei prodotti per bambini è l’incredibile successo che hanno i PJ Masks al momento.
E’ un cartone tecnicamente poco più che passabile ma che ha delle trame TREMENDE e tutte UGUALI tra loro!
In pratica abbiamo uno dei tre super pigiamini a caso che si intestardisce a fare una cosa stupida nonostante gli altri due gli/le dicano che sta sbagliando. Lui/lei li ignora e continua, combinando solo guai. Poi alla fine però capisce l’errore, segue i consigli e tutto si risolve con la loro vittoria contro il nemico di turno.
Nemico che è uno dei tre esistenti: Romeo, Lunetta o Ninja della notte. Non uno di più.
Quindi sempre le stesse cose contro sempre gli stessi avversari. Le prime volte che lo vedi, PJ Maks non ti dispiace nemmeno, ma poi diventa la cosa più ripetitiva che passa in Tv al momento. E una delle più ripetitive della storia dei cartoni animati.
Ovviamente io sono completamente fuori target e quindi ci sta che non mi piaccia, ma davvero non capisco come questa serie possa occupare otto dei dieci posti della classifica dei libri per bambini su La Repubblica (quotidiano di domenica 10 agosto). O che Gattoboy, Gufetta e Geco siano i protagonisti di praticamente tutti i gadget per ragazzini che stanno vendendo di più.
Eppure è così, quindi complimenti e massima stima da parte mia a a chi l’ha fatto,  perché è davvero riuscito a centrare tutti gli aspetti che piacciono ai bambini, dimostrando così che lui/loro il suo lavoro lo sa fare dannatamente bene.
Io, da adulto, continuerò a spegnere il cervello quando Paolo si mette a guardarlo in totale ammirazione, e penserò al mio amato Duggee che praticamente non si vede più T_T
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a È notte in città, e un confuso papà non capisce come qualcosa sia possibile

  1. Bridigala ha detto:

    Ciao! Pjmasks non l’ho ancora visto, ma so con certezza che i bambini sono rassicurati dalla ripetitività. (Quelli piccoli, poi cambia un poco).
    Baci Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...