Ieri, oggi e domani (e sabato)

È una settimana importante​ e piena quella che è iniziata ieri. Ho duemila cose da fare di portata e peso non indifferente.

Devo chiudere un volume immenso che ha bisogno di un livello di cura e attenzione assurdi (e per questo devo ancora finire l’ultimo articolo che ci va dentro). Devo supervisionare vari manga che vedrete a Lucca, e probabilmente questo è il mese dell’anno con il più alto numero di volumi su cui devo lavorare in 30 giorni. Devo fare mille altre cosette, tutt’altro che corte, sperando che le traduzioni di vari progetti americani arrivino in ritardo, altrimenti sono finito.

Peccato che faccia tutto a rilento perché domenica sono andato a fare delle ripetute in salita con un amico, e il mio corpo non ha gradito la cosa lasciandomi mille doloretti. Soprattutto, però, non ha gradito le 60 vasche fatte a nuoto ieri: già avevo male praticamente ovunque, dopo il nuoto, che per me è stato uno sforzo immenso (al punto che sto seriamente pensando di scendere di livello), è scomparso il praticamente e sono un completo cadavere. Ho male da in piedi, da seduto, da sdraiato. Ho male se sto fermo o se cammino. E questo ha fatto sì che dormissi male, per cui sono anche rintronato.

Fermi lì, siamo solo a metà. Questa è la parte tranquilla, ora arrivano i fuochi d’artificio.

In tutto questo si inserisce, infatti, il matrimonio del mio migliore amico, che è domani a circa 120km da casa mia. Dove non solo sono testimone ma anche Paolo ha un ruolo importante. Ha… diciamo avrebbe avuto visto che ieri il termometro infilato nel suo orecchio alle 18 indicava 38,7. E stanotte si è svegliato piangendo e tremando con 40 di febbre. Lui ha spesso il febbrone ma non si è mai lamentato così tanto come ieri, quando piangeva e diceva “aiuto, mamma”. Mamma che ha una settimana di superlavoro anche lei, quindi non può stare a casa a darmi una mano con lui, che ovviamente non va al nido.

Domani quindi che si fa? Si porta Paolo e Carla al matrimonio o li si lascia a casa? Prima di pormi questo problema, ce n’è un altro più a monte: come ci vado alla cerimonia? Già, c’è anche questo da capire.

La settimana scorsa Carla ha portato la mia auto a lavare e il tizio del distributore le ha detto che sentiva odore di gasolio nel motore. Così oggi vado all’Alfa a vedere la situazione e mi dicono che sì, c’è l’odore e sarebbe meglio lasciarla lì per fare una verifica. Che non sanno quando potranno farla, visto che sono pieni di lavoro, e quanto tempo (e quindi soldi) porterà via visto che non sanno che problema sia. Bonus time: mi dicono che ho il tagliando da fare e le pastiglie dei freni sono andate, quindi solo per queste ultime due cose, senza contare il problema odore gasolio, parto dai 600 euro di conto.

Così sono all’Alfa, a svariati km da casa mia, decisamente più povero di prima, senza che nessuno sapesse che ci sarei andato (e quindi potesse prepararsi all’eventualità di venire a prendermi) e distante dalla fermata del tram più comoda. Tram per cui ovviamente non avrei il biglietto.

Risolvo grazie a un tizio del concessionario molto simpatico e gentile che mi porta alla fermata, e scopro che ora si può comprare il biglietto a bordo. Costa di più ma frega nulla.

Arrivo alla suddetta fermata e vedo che ho perso il tram per 3 minuti, quindi ne dovrò aspettare quindici. Per fortuna almeno c’è dell’ombra in cui stare.

Finalmente si torna a casa…

Tornando a casa realizzo che domani mattina sarei dovuto andare a prendere mio padre che fa degli esami prima di un piccolo e banale intervento. Ma ho Paolo a casa e non ho nessun mezzo di trasporto, quindi pure questa cosa diventa impossibile.

Infine sabato c’è la festa per il matrimonio. Sempre a più di 100km da casa mia. Abbiamo già prenotato un B&B dove avremmo dovuto fermarci, ma a questo punto chissà se ci andremo…

Sto seriamente pensando di farmi ibernare fino a lunedì, sperando che la settimana prossima non sia addirittura buona, mi accontenterei anche di un difficile. Tutto è meglio dell’impossibile in cui sono al momento.

Annunci

Auguri a noi!

matrimonioOggi il nostro primo anniversario di matrimonio. Parlo del secondo tentativo, ovviamente, quello andato in porto. 😀

E come lo festeggiamo? Girando per casa come zombie perché Paolo ieri notte si è svegliato ogni (dannata) ora per non si sa bene quale motivo.

Non pago, oggi non ha MAI dormito, nonostante abbiamo provato in tutti i modi a farlo riposare. Morale: ora (19:00) lui è un fascio di nervi che piange e si lamenta perché devastato dalla stanchezza ma, come sempre, caparbiamente deciso a non dormire. Mentre noi, come detto prima, siamo stanchi e stanchi. E anche un po’ stanchi.

Pensiamo, e speriamo, che la colpa sia dei canini. Si dice che siano terribili e facciano un gran male ai bambini quando spuntano, e in effetti si vede del bianco sotto la gengiva, ma è una settimana buona che Paolo va avanti così e cominciamo anche a pensare che forse c’è dell’altro.

Come se non bastasse questa difficile situazione ha anche affossato un mega progetto per Zero che sto portando avanti da mesi. Pace, lo finirò più avanti.

Ora scappo, devo cercare di addormentarlo.

Auguri, stanchi e movimentati, a noi!

Vi riassumo il mio week-end… (powered by facebook)

…usando gli status di facebook. Merita.

(versione aggiornata del post di ieri, qui con gli status veri e propri linkati da facebook, così volendo si possono leggere i commenti. Bonus time: c’è anche uno status in più che ieri non avevo messo perché non mi andava di ricaricare l’immagine :D. Tengo comunque il post di ieri perché magari mi muore facebook e mi perdo quanto avevo scritto. Col blog, in teoria dovrebbe restarmi. Sempre che non muoia prima wordpress :))

Venerdì 4 luglio 2014, 12:50

Venerdì 4 luglio 2014, 12:55

Sabato 5 luglio, 01:28

Sabato 5 luglio, 03:55

Sabato 5 luglio, 04:44

Sabato 5 luglio, 17:12

Sabato 5 luglio, 22:52

Domenica 6 luglio, 18:42

Lunedì 7 luglio, 11:21

Vi riassumo il mio week-end…

…usando gli status di facebook. Merita.

Venerdì 4 luglio 2014, 12:50
Sapete quegli scherzi (inutili e stupidi) che si fanno nella casa di chi si sposa? Ecco, da noi non serve. Ci abbiamo già pensato da soli a metterla sottosopra
(Stiamo dipingendo la stanza che sarà di Mattia 2.0 aka Paolo)

Casa -delirio

Venerdì 4 luglio 2014, 12:55
Mi è stato fatto notare che non ho mai detto quando ci sposiamo. Non è un caso, cmq sia, se domani mattina siete in zona municipio di Vicenza alle 11:30… beh, saremo lì anche io e Carla. E anche tanta altra gente dei matrimoni che ci precedono e ci seguiranno
Anche per questo, sarà una cosa breve e indolore (penso :))

Sabato 5 luglio, 01:28
Non voglio azzardare un commento prima del tempo, ma porca di quella…

Sabato 5 luglio, 03:55
Mondo, il matrimonio mio e di Carla Campana è saltato. No, non ci siamo mollati all’ultimo, semplicemente Paolo ha avuto più fretta del previsto e ora siamo in ospedale da tre ore (sono le 4!). Non nascerà stasera, ma sicuramente non ce la facciamo a sposarci domani. Quindi se volevate venire in comune… Beh, state pure a casa

Sabato 5 luglio, 04:44
Arrivato a casa alle 5. Vado a letto col telefono acceso sperando che non mi chiami nessuno prima delle 11

Sabato 5 luglio, 17:12
Mondo, Paolo è nato in meno di tre ore, passando per una vasca per il parto in acqua ma decidendo di nascere su un comodo letto. Io sto bene, grazie a tutti per la preoccupazione. Come dite? Carla e Paolo? Ma certo, stanno bene anche loro
Battute a parte, è andato tutto bene. Grazie a tutti per i messaggi di prima e di adesso

Sabato 5 luglio, 22:52
Mondo, chiudo la LUNGHISSIMA giornata odierna con mamma Carla e il piccolo Paolo. Grazie a tutti per messaggi, auguri e tutto il resto:)

Carla e Paolo

Lunedì 7 luglio, 11:21
Uno inizia la settimana convinto di sposarsi e si ritrova il lunedì successivo ancora single e con un figlio. La vita è davvero strana 😀

(a margine: perché non riesco a inglobare il codice dei post di facebook qui su wordpress? Mah!)